home page


HENRY WALSH
------------------------------
di
Luca Panaro


Perchè dipingi sempre autoritratti?
Il mio lavoro ruota intorno ai differenti elementi che caratterizzano una persona - l'aspetto fisico, emozionale, mentale e spirituale - e il modo nel quale noi percepiamo e comunichiamo questi elementi agli altri. La ragione per la quale dipingo autoritratti è da ricercare nella riflessione che ogni giorno faccio su questi elementi. Ci vuole molto tempo a comprendere come una persona realmente lavori dentro di sè, anche se difficilmente è possibile conoscerla completamente. Le sole persone che ho dipinto, sono persone che conosco molto bene, gente che amo. Ho dipinto anche un cane, ma l'ho fatto per rappresentare la rabbia, infastidendolo fino al punto da farlo ringhiare, per poi realizzare dei disegni veloci direttamente sulla tela. Ma in realtà l'unica persona che posso conoscere realmente (e sinceramente rappresentare) è me stesso.

Descrivici l'azione performativa che accompagna la tua pittura. Ti osservi allo specchio?
La ragione per la quale mi ritraggo allo specchio consiste nel riflettere sul processo pittorico, portando l'azione fuori dallo studio e dentro alla galleria. L'azione del dipingere è per me tanto importante quanto il pezzo finito. Vedere un'artista lavorare aiuta lo spettatore nella comprensione dell'opera. L'osservazione del processo esecutivo restituisce all'arte quell'umanità che di solito si perde nella transazione del quadro dal luogo della sua creazione agli spazi neutri della galleria.

Perchè i tuoi disegni sono così stilizzati?
Come ho menzionato prima la mia opera riflette sui diversi elementi che caratterizzano una persona. Sebbene i miei dipinti siano degli autoritratti, preferisco che essi abbiano una loro vita. Astrarre l'immagine impedisce all'opera di essere rivolta solo a me stesso. Di solito nel produrre un disegno l'artista si concentra sul soggetto, per poi trasferire quell'immagine sulla superfice controllando costantemente il risultato in divenire. Il processo di astrazione che io utilizzo consiste invece nel concentrarsi più sul soggetto che sul disegno. Qualche volta non guardo nemmeno il disegno che sto realizzando. Questo processo mi permette di diventare solo spettatore. In questo modo quando guardo il disegno finito lo vedo come lo vedrebbe qualsiasi altro fruitore. Posso vederlo con occhi freschi e provare a capire il carattere del personaggio ritratto senza necessariamente identificarmi con esso. Penso alla sua testa bassa e triste e alle sue spalle cadenti, interpretando il linguaggio del corpo di un disegno come se fosse la realtà. Poi rifletto su questi sentimenti e comincio ad aggiungere una superforza attraverso il significato dei simboli, come chiazze di colore o frecce, descrivendo movimenti, emozioni o comunicazioni. Quando il dipinto sarà ultimato esso avrà acquisito una vita propria. E' stato costruito usando elementi che mi appartengono, ma è diventato qualcun'altro. E' come guardarsi in uno specchio deformante e non riconoscersi nella propria immagine riflessa.

Che tipo di colori e supporti utilizzi?
Il modo in cui lavoro e i supporti che utilizzo sono strettamente collegati al fatto che i miei dipinti sono realizzati velocemente. Questo è un elemento importante nel catturare e capire le figure che disegno. Così i materiali di cui mi servo sono spesso di veloce asciugatura e facilmente manipolabili. Solitamente uso i colori acrilici e una mistura di pastelli di gesso e bastoncini d'olio. Preferisco lavorare sopra superfici liscie, come la carta o la tela satura, perchè assicurano una linea chiara e pulita. Tuttavia lavoro spesso anche su lavagne, su schermi e direttamente sui muri (il mio studio è coperto da disegni e linee che ne amplificano la superfice). Nelle gallerie mi piace molto usare le lavagne di ardesia nera, perchè la loro superficie liscia produce i migliori risultati temporanei. Il pezzo prodotto durante la performance viene poi distrutto dopo l'evento, lasciando solo video e prove fotografiche come traccia della sua esistenza.

Perch¸ le tue opere sono sequenzialmente numerate in numeri romani?
I numeri romani rappresentano il numero di dipinti prodotti negli anni fino a quel momento. Servono per due ragioni:
Per prima cosa essi documentano la realizzazione dell'opera in un determinato momento. E' come se ogni opera rappresentasse un evento, un'istantanea del mio stato d'animo al tempo della produzione.
La seconda ragione è che nell'utilizzare i numeri piuttosto che i titoli, lascio l'interpretazione del dipinto aperta al giudizio dello spettatore. Mi piace che la gente venga e veda nel dipinto elementi che abbiano relazione con le proprie esperienze ed il loro modo di essere. Questo permette allo spettatore di godersi il disegno ad un livello intimo molto più intenso.

15 ottobre 2002
Copyright Intervistalartista.com - Tutti i diritti riservati


Henry Walsh è nato nel 1978 a Norwich (Inghilterra)
www.henrywalsh.co.uk